Vai al contenuto

Vertigine

febbraio 20, 2013

I miei piedi
nelle scarpe,
e le scarpe
sul marciapiede,
sprofondano
nel centro
arroventato
della terra.

La mia testa
in un vortice
d’atomi e astri
impazziti
ruota, forse
su se stessa.

Non c’è vuoto
né materia
attorno a me,
e l’esistenza
è un turbine.
Un turbine
lucente
e oscuro.

From → Poesia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: