Vai al contenuto

Mondi di passi perduti

febbraio 20, 2013

Mondi di passi perduti
cieli senza orizzonti
e deserti di nebbia
Un ponte è un arco
sopra costellazioni
ma di mattoni cadenti
e polverosi fatto.
E piccole anime appaiono
come api operose
ed esauste sollevano con un soffio
il mondo.
Gabbiani su lampioni addormentati
fissano le onde sfinite
che a riva come cera vanno
a consumarsi,
ed il vento sospeso come dissuaso
e smisurato sospiro,
e le conchiglie adagiate sulla rena
che sfidano come stremate stelle,
i bagliori del primo giorno
ed il solco delle orme
delle mie orme
già dissolte
smarrite.

From → Poesia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: