Vai al contenuto

Le nuvole, il pulsare del cuore ed il destino

febbraio 20, 2013

Forse ho mentito troppo a me stesso
nel modo in cui ho spogliato il tuo sorriso
dalle guglie degli sguardi, dalle stupite pupille,
quando mi ponevi semplici domande
alle quali la risposta era: – T’amo… t’amo?

E quando appoggiasti stanca la testa sulla spalla
il modo in cui ti addormentasti nel mio sorriso,
nascosta dalle lame dei fari acuminati,
immortali gocce di pioggia e voci nel silenzio,

Assurdo sarebbe stato a questo punto, dirsi addio.

Non ci sono nuvole a disegnare il nostro destino,

C’è sempre un vento bieco a scompigliare le carte
– Non sono ancora pronta – mi dicesti – Arriverà il giorno.
Intanto che il tuo cuore batteva il tempo, lo stesso,
inesorabile tempo, che pulsava martellante nel mio.

Ventimiglia 10 febbraio 02

From → Poesia

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: